Storia e immagini dell’agro alimentare 1861-2011: una mostra dall’8 ottobre al 20 novembre 2011 alle OGR, Officine Grandi Riparazioni, a Torino in corso Castelfidardo 22 – Ingresso libero – A cura di Clara e Gigi Padovani

venerdi 7 ottobre 2011 ore 18.30 – Officine Grandi Riparazioni Inaugurazione della mostra Il Buon Paese a tavola – Storia e immagini dell’agro-alimentare: 1861-2011 Una mostra a cura di Gigi e Clara Padovani La mostra si apre con un dibattito a cui parteciperanno Giacomo Boggetto, direttore e consigliere amministrazione agenzia Armando Testa; Alberto Capatti, storico dell’alimentazione; Luigi Cremona, critico gastronomico e direttore guida Touring Club Italiano; Lamberto Vallarino Gancia, presidente di Federvini; Gualtiero Marchesi, chef e rettore della Scuola di cucina Alma di Colorno (Pr); Bob Noto, fotografo e designer. Venerdì 7 ottobre, con un dibattito e unagi degustazione di taglio “storico”, si apre la mostra dedicata al Buon Paese a tavola a cura di Gigi e Clara Padovani che resterà allestita fino al 20 novembre 2011.

La mostra Il Buon Paese a tavola – Storia e immagini dell’agro-alimentare: 1861-2011 è un percorso cronologico del gusto, dal 1861 ai giorni nostri, con citazioni di menu, prodotti, libri, ricette che costituiscono un patrimonio collettivo.L’esposizione è corredata da un video – realizzato dalla Città di Torino – Divisione Cultura, impreziosito da una selezione di Caroselli e spot realizzati dall’agenzia Armando Testa dedicati ai cibi e alle bevande più legati alla nostra memoria: da Carmencita a Citterio, da Riso Gallo a Martini. Un lungo excursus fatto non soltanto di curiosità, ma anche di storia e di ricette regionali diventate patrimonio nazionale in un’inedita cronologia dedicata all’identità dell’Italia a tavola che va dalla pizza al dado per il brodo, dai primi manifesti per il vermouth e il cioccolato agli eroi di Carosello.

Un incontro tra storici, critici, chef, produttori di vino ed esperti di comunicazione – coordinato da Clara e Gigi Padovani, curatori della mostra e del libro Italia Buon Paese – Gusti, cibi e bevande in 150 anni di storia (Blu Edizioni) – introdurrà i visitatori analizzando l’apporto dei patrioti del gusto ai nostri attuali stili alimentari, in un viaggio fatto di immagini e suggestioni, un viaggio nella memoria culinaria italiana, dalle ricette preferite di Vittorio Emanuele II e Garibaldi ai cuochi futuristi alle pubblicità del boom economico fino agli chef star e alle guide gastronomiche degli Anni Duemila.

All’incontro partecipano: Giacomo Boggetto, direttore e consigliere amministrazione agenzia Armando Testa; Alberto Capatti, storico dell’alimentazione; Luigi Cremona, critico gastronomico e direttore guida Touring Club Italiano; Lamberto Vallarino Gancia, presidente di Federvini; Gualtiero Marchesi, chef e rettore della Scuola di cucina Alma di Colorno (Pr); Bob Noto, fotografo e designer.

Grazie all’amichevole collaborazione di alcune aziende del settore agro-alimentare, seguirà un aperitivo con cocktail futuristi preparato dal barman Aibes Fulvio Piccinino – la “Rosa bianca” a base di Campari, succo d’arancia e bioliquore alla rose e “Giostra d’alcol” a base di Barbera d’Asti, Campari e Cedrata – oltre a spumante e cedrata, accompagnati da stuzzichi, formaggi, cioccolato.

Un’occasione per degustare un po’ di storia d’Italia e ripercorrere con la memoria tanti momenti della nostra unità. “Siamo passati dalla fame allo spreco – spiegano i curatori della mostra, Clara e Gigi Padovani e dai menu in francese di Casa Savoia agli spaghetti con la salsa di pomodoro codificata nel 1891 da Pellegrino Artusi, divenuti il piatto-emblema della cucina tricolore. Oggi ci sentiamo tutti più uniti, legati dai prodotti che ci rappresentano, come il Parmigiano Reggiano, il gianduiotto, i nostri grandi vini, tutte le specialità che insieme concorrono a creare il “gusto italiano”. Perché, in fondo, siamo un popolo di artisti, di eroi, di santi, di navigatori e… di gourmet”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.