A Torino il rito del tè per tre incontri dedidati a #_FOOD_FACTOR. Il primo incontro ha avuto come protagonista Riccardo Illy e la cucina “salata” al tè, presentata dallo chef Stefano Chiodi Latini. Il secondo ha presentato un grande pasticcere, Iginio Massari, con i film scelti da Roberta Zendrini. Al terzo appuntamento si parlerà di letteratura dell’esotismo, dedicata a tè, caffè e cioccolato. A tutti i nostri “salotti” nella splendida Sala Grande di Palazzo Graneri della Rocca, a Torino, degustazioni e abbinamenti con tazze fumanti e samovar bollenti, preparati dalla “signora del tè” Anna Maggia, manager di Dammann Frères

 

Nel 2012 al Circolo dei lettori abbiamo tenuto sei incontri, dedicati al “Buon Paese a tavola”: abbiamo parlato del divin porcello, di cioccolato, di caffè, di gelato, di Barolo, di birra. Una serie di “spuntini” del sabato e o della domenica, non solo letterari, con tanti ospiti e gli assaggi di aziende di casa nel bel palazzo Graneri della Roccia, in via Bogino 6, nel cuore di Torino.

E quest’anno si riparte. Con un titolo che – lo confessiamo – prende spunto dalla moda delle sfide tv. Questa volta la nostra sfida è dedicata al “food factor”. A parte il fatto che si mangia (quasi tutti, purtroppo, ma questo è un altro problema…) tre volte al giorno, di certo il cibo è diventato un po’ l’ “ossessione” di questi tempi così ansiogeni e incerti. Ci si rifugia in una ricetta o in un confronto tv tra chef per dimenticare le angosce del quotidiano. Noi vogliamo essere un po’ più tranquilli, senza però dimenticare le nuove tecnologie, come Twitter e i suoi ashtag.

Pertanto ecco il titolo: #_FOOD_FACTOR con tanto di cancelletto davanti. Per seguire in live twitting i nostri appuntamenti, che però saranno dedicati, per l’avvio di questo ciclo 2013, alla bevanda che più consente di riflettere, in un momento di pausa piacevole. Si tratta del tè, amato da tanti scrittori, protagonista di molti film, oggetto del desiderio e al centro di ritualità antiche.

Xfoodfactor_thumb.jpg

Il rito del tè è da sempre sinonimo di convivialità. I gesti raffinati ed eleganti di una lenta preparazione svelano il piacere dell’arte del ricevere e l’importanza di ritagliare del tempo per sé e per gli altri.
Perché nell’era di internet e degli smartphone c’è ancora il bisogno del rapporto umano e della conoscenza personale. Di leggere, ascoltare, degustare, sorridere o commuoversi in modo non virtuale: sociale sì, ma non soltanto digitale. E di vivere il food come rituale, galateo, immagine, spettacolo e ricchezza.

Vi condurremo alla sua scoperta, in una piacevole atmosfera da salotto, aneddoti, curiosità e assaggi, non solo letterari. A partire dall’infuso, nei tre appuntamenti si spazierà nello sconfinato mondo del cibo, che è diventato “x factor” fondamentale in molti aspetti della vita, dalla salute alla sessualità, dalla psicologia all’immagine.

 

Sabato 26 gennaio ore 17 | sala grande
L’ora del tè, aromi e profumi non solo letterari

Incomincia il percorso di avvicinamento alla bevanda più diffusa al mondo dopo l’acqua con Riccardo Illy, presidente Gruppo Illy e la “signora del tè” Anna Maggia. Gli ingredienti speciali della serata sono letture, curiosità e la degustazione di tè Dammann Frères, con gli abbinamenti salati dello chef Stefano Latini del ristorante Villa Somis di Torino.

Sabato 16 febbraio ore 17 | sala grande
Il rito del tè sul grande schermo e la seduzione del confetturiere

Sabato 16 marzo ore 17 | sala grande
Tè e cioccolata, le bevande dell’esotismo

Il Secolo dei Lumi fu sedotto da tè, caffè e cioccolata: bevande con un forte richiamo esotico da terre lontane. E molti poeti e scrittori, dall’Arcadia in poi, ne hanno tessuto gli elogi. Nel terzo sppuntamento del ciclo #X_FOOD_FACTOR, gli ideatori Clara e Gigi Padovani ne parlano con l’italianista Giovanni Tesio, critico letterario e docente all’Università di Vercelli. L’ad della Domori, Stefano Giubertoni, guiderà gli abbinamenti di tavolette d’autore con i tè Dammann Fréres, preparati da Anna Maggia

 

Live tweeting #xfoodfactor
In collaborazione con Damman FrèresDomori Agrimontana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.