Appuntamenti

Happy hour, nuova religione sociale



Rivalta di Torino, venerdì 30 marzo 2012, Cappella del Monastero, via Balegno

Intervengono:  Monica Ruppo, psicoterapeuta dell'associazione Aliseo - Gruppo Abele; Fulvio Piccinino, barman e autore di "Sapere bere"; Fabrizio Vespa, giornalista; coordinano Clara e Gigi Padovani

Quarto incontro del ciclo "Cibo e contorni" organizzato dal Comune di Rivalta di Torino. E'dedicato all’aperitivo, che nacque a Torino, quando Antonio Benedetto Carpano nel 1796 inventò il vermouth: da allora è un rito sociale che ha coinvolto tutte le generazioni, ha creato migliaia di cocktail, ma causa anche un serio allarme sociale per le possibili conseguenze di eccesso nel consumo d’alcol da parte dei più giovani. Oggi l’happy hour è un modo per ritrovarsi, discutere, occupare spazi urbani nelle città. Da sempre l’aperitivo trasmette voglia di vivere, allegria, convivialità. Saranno offerti cocktail storici: il barman Fulvio Piccinino presenta aperitivi e miscele che hanno fatto epoca, come quelli futuristi (con i vini offerti dai giovani produttori di Langa Style. A sorpresa, per i nostri ospiti due nuovi assaggi oltre a quelli preparati da Pro Loco di Rivalta di Torino e Famiglia Rivaltese: una focaccia speciale del Circolo Barbota di San Maurizio Canavese (tel. 339.8496650) e un gelato al Vermut Carpano Antica Ricetta del maestro pasticcere Marco Vacchieri di Rivalta di Torino (http://www.vacchieri.it).

 
 

Nutella©

Tutto sulla
crema più
famosa
del mondo!